top of page
4.jpg

monsù di Lione dice che fa venire li museci con altro ingeniero, ma quando sarano harivati noi haveremo di già dato principio facendoli tutto quello che loro poseno fare da le voce in poi, le quali superiamo con el ridicolo.

- Carlo Cantù

  • Instagram
  • Facebook
  • YouTube
  • Twitter

Bio

Alessia Luongo nasce ad Avellino, vive a Roma.
È musicista e ricercatrice: studia e ricerca la figura del commediante dell'arte da molti anni.
Studia al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma nel dipartimento di Teoria e Analisi, Composizione e Direzione d'orchestra. 
Polistrumentista, si accompagna al canto con strumenti della musica antica (liuto rinascimentale, tiorba, chitarra barocca e chitarra battente, colascione) le musiche che ha potuto recuperare da canovacci antichi e testimonianze orali e scritte.
Dalle sue ricerche teatrali e musicali ha creato numerosi progetti artistici che sono stati ospiti in numerosi festival e rassegne in Italia e all'estero tra cui festival di musica Antica Mahon (Spagna), Musée du Palais Lascaris a Nizza (Francia), Festival El Puento del Son (Messico), Festival Barocco Napoletano (Napoli), Opera Nova Festival (Roma), Interpenetration Graz (Austria), Museo Orto Botanico (Roma), Casa del Teatro (L'Aquila), Estate Romana (Roma), Museo in Piazza rassegna del Museo delle Civiltà (Roma), Festa della Tammorra (Sessa Aurunca) e tanti altri.  
Diversi enti e giornalisti, tra cui la RAI NAZIONALE, hanno dedicato un servizio su Rai3 andato in onda in tutta Italia- Hanno scritto di lei “La Repubblica”, “Il Corriere del Mezzogiorno”, “Le Cronache di Napoli”, “Irpinia TV” e tanti altri.
Oltre allo studio in conservatorio, Alessia Luongo approfondisce col Maestro Roberto De Simone diversi aspetti musicali. Con lui ha effettuato ricerche che riguardano le musiche della commedia dell'arte partendo dai balli di Sfessania fino al Novecento.
Tale incontro è ad opera di Manuel Pernazza, interprete della maschera di Pulcinella. Nel 2020 il Museo delle Civiltà di Roma ha definito la collaborazione di Luongo e Pernazza "Corpo e archivio di un teatro popolare" per la potenza della proposta artistica. 
Alessia Luongo ha ideato la maschera di Colanfronio: maschera della commedia dell'arte irpina, nata da un'intuizione moderna, ma con spirito antico. Infatti, il suo costume è propriamente appartenente a fine del Seicento. Hanno collaborato alla sua costruzione il Maestro Roberto De Simone per ricerche, studi e consigli e la storica famiglia Sartori che ha creato il calco della maschera per il personaggio. 

Ad oggi Colanfronio è un personaggio che viaggia nel mondo ed è una parte delle performance in cui si dimostra cosa significava suonare in maschera. Da qui, appunto, le ricerche teoriche prendono vita ricreando una figura a cavallo tra il cantante, il musicista e l’attore, pratica tipica del XVII secolo, portata molto avanti da Tiberio Fiorillo.

Sono numerosi anche i lavori che Alessia Luongo svolge tramite incisioni discografiche. Nel febbraio 2023 incide il suo primo album da solista dedicato alla chitarra battente e colascione e alla maniera “antica” di accompagnarsi. L'album si intitola "Largo di Castello" e ha l'introduzione del Maestro Roberto De Simone. L'album è stato presentato in diversi parti d'Italia e portato in Francia, menzionato in diversi articoli sul web e testate giornalistiche.

Attualmente lavora al suo nuovo album da solista dedicato all'opera buffa napoletana.

Ad oggi Alessia Luongo cura anche un blog di ricerche musicologiche e teatrali sul suo sito web.

 

Alessia Luongo was born in Avellino, she lives in Rome.
She is a musician and researcher: she has been studying and researching the figure of the comedian dell'arte for many years.
She studies at the Santa Cecilia Conservatory in Rome in the Department of Theory and Analysis, Composition and Conducting.
Alessia is a multi-instrumentalist, she accompanies her singing with ancient music instruments (Renaissance lute, theorbo, baroque guitar and battente guitar, colascione) the music she was able to recover from ancient canvases and oral and written testimonies.
From her theatrical and musical research she has created numerous artistic projects which have been guests in numerous festivals and exhibitions in Italy and abroad including the Antica Mahon music festival (Spain), Musée du Palais Lascaris in Nice (France), Festival El Puento del Son (Mexico), Neapolitan Baroque Festival (Naples), Opera Nova Festival (Rome), Interpenetration Graz (Austria), Botanical Garden Museum (Rome), Casa del Teatro (L'Aquila), Estate Romana (Rome), Museum of Civilizations (Rome), Tammorra Festival (Sessa Aurunca) and many others.
Various organizations and journalists, including RAI NAZIONALE, dedicated a report on Rai3 which was broadcast throughout Italy. "La Repubblica", "Il Corriere del Mezzogiorno", "Le Cronache di Napoli", "Irpinia TV" wrote about her and many others.
In addition to studying at the conservatory, Alessia Luongo delves into various musical aspects with Maestro Roberto De Simone. With him she carried out research concerning the music of commedia dell'arte starting from the Sfessania dances up to the twentieth century.
This meeting is organized by Manuel Pernazza, interpreter of the mask of Pulcinella. In 2020 the Museum of Civilizations of Rome defined the collaboration of Luongo and Pernazza as "Body and archive of a popular theatre" due to the power of the artistic proposal.
Alessia Luongo created the mask of Colanfronio: mask from the Irpinian commedia dell'arte, born from a modern intuition, but with an ancient spirit. In fact, its costume actually belongs to the end of the seventeenth century. Maestro Roberto De Simone collaborated in its construction for research, studies and advice and the historic Sartori family who created the cast of the mask for the character.

Today Colanfronio is a character who travels the world and is a part of the performances in which Alessia Luongo demonstrates what it meant to play in masks. From here, in fact, the theoretical research comes to life by recreating a figure somewhere between the singer, the musician and the actor, a typical practice of the 17th century, carried forward by Tiberio Fiorillo.

There are also numerous works that Alessia Luongo carries out through recordings.

In February 2023 she published her first solo album dedicated to the chitarra battente and colascione and the "ancient" way. The album is titled "Largo di Castello" and has an introduction by Maestro Roberto De Simone. The album was presented in various parts of Italy and brought to France, mentioned in various articles on the web and newspapers.

She is currently working on his new solo album dedicated to Neapolitan comic opera.

Alessia Luongo also maintains a musicological and theatrical research blog on her website.

 

bottom of page