top of page
  • Immagine del redattoreAlessia Luongo

Roma crocevia delle arti: un atto di adozione importante da Napoli a Roma

Sono nata ad Avellino, vivo a Roma ormai da più di dieci anni. Mi sorprendo ancora di quante analogie e quanti collegamenti meravigliosi abbia la mia regione natia e questa grande capitale; sicuramente la storia sa parlare e confermare più di quanto io possa e riesca ad esprimere.

Ma a livello musicale e tetrale la materia diventa di grande interesse.


Qual è il collante che più mi ha appassionato analizzare e riconoscere tra Roma che è stata sempre grande incontro di diverse culture e tradizioni, e Napoli, immensa città del Sud Italia?


E’ esistita la commedia dell’arte a Roma? Negli “Elogi accademici degli Spensierati

di Rossano” di Giacinto Gimma è citato Carlo Sigismondo Capece drammaturgo e

librettista italiano attivo a Roma intorno all’inizio del XVIII secolo. Scrive moltissime

opere in prosa, in tre atti e con personaggi mimici ed anche molti drammi per

musica. Le commedie prese in esame hanno come protagonista la maschera di

Pulcinella a Roma agli inizi del 1700. Il primo gran Pulcinella napoletano è Andrea

Calcese (1595 Napoli -1656 ?). Abbiamo sua testimonianza dal Perrucci nel “

dell’arte rappresentativa premeditata, ed all’improvviso” (1699, conservata presso

la biblioteca lucchesi palli Napoli). Nei primi decenni del secolo XVIII recitano a

Roma Bartolomeo Cavallucci e Nicola Piazzani. Anche Carlo Goldoni ci descrive di

aver visto un Pulcinella operare a Roma nel 1759 e Goethe nel “Zweiter Romische

Aufenthalt” cita un Pulcinella di nascita romana. Lo stesso Antonio Petito (Napoli

1822-1876) ha recitato a Roma diverse volte calcando teatri come il Teatro

Argentina, il Capranica e il Valle. In tempi moderni non è una coincidenza che

l’attore romano Ettore Petrolini omaggia la commedia dell’arte indossando proprio

la maschera di Pulcinella nel 1949. Roma non vanta una sua maschera ma di certo

la vicinanza con Napoli ha fatto sì che adottasse una maschera universale che non

è la caricatura di un uomo ma è la caricatura dell’uomo.

Comments


bottom of page